martedì 26 febbraio 2019

UN FILM E UN LIBRO PER RIDERE

Ciao a tutti. Il film è questo "Emotivi Anonimi" con due persone che sono troppo emotive, hanno paura di tutto, lei frequenta il gruppo degli Emotivi Anonimi e sviene di continuo, insomma insieme sembrerebbero male assortiti invece...da ridere, specie per il finale per nulla scontato!

Il libro invece è ovviamnete "Agata. Come un funerale ti salva la vita" per continuare a sorridere e ridere!

Date un'occhiata qui
 https://www.ibs.it/agata-come-funerale-ti-salva-libro-lara-zavatteri/e/9788892620216

giovedì 10 gennaio 2019

IL LIBRO AGATA DELLA SCRITTRICE LARA ZAVATTERI SCONTATO SU IBS

Ciao a tutti e buon inizio d'anno!
Per leggere la mia storia potete ordinare il libro su Ibs, al momento il libro è scontato ed inoltre questo, come gli altri editi da Youcanprint (li trovate nella lista) arrivano in pochi giorni a casa vostra.
Ecco il link per il libro e anche per tutti gli altri editi da Youcanprint firmati da Lara Zavatteri, trovate anche gli altri libri di Lara ma con tempi più lunghi (per tutti, potete rivolgervi sempre a lei a Mezzana in val di Sole, Trento in via 4 novembre o larazavatteri@gmail.com).
Date un'occhiata e buon anno e buone letture a tutti!

Agata (e Lara)

Link libri su Ibs

venerdì 26 ottobre 2018

ESTRATTO-IL FUNERALE DEL SIGNOR CESARE

Per voi un estratto dal libro Agata.Come un funerale ti salva la vita, con il funerale del signor Cesare, un uomo che era stato bellissimo, ma tutta la sua vanità va in fumo quando gli cresce un bitorzolo sul naso.


Mentre intorno era silenzio, si udivano solamente i singhiozzi dell'uomo, tutti lo osservavano-probabilmente non solo ad Agata era parso un estraneo- fino a che quel piangere a dirotto non parve quasi inopportuno, nel senso che già i partecipanti non erano moltissimi e quei singhiozzi producevano un eco nella chiesa da far spavento. Agata decise così di parlare e cercare di calmare l'uomo.

Era suo parente?” chiese lei con fare contrito.

L'uomo subito non rispose, si asciugò gli occhi con la mano, soffiò rumorosamente il naso in un fazzoletto e quindi, ricomposto-tutti trassero un sospiro di sollievo, ringraziando mentalmente Agata per quella trovata- rispose:

No, signora. Sono solo l'addetto alle pompe funebri”.

Agata, allibita, non seppe che dire. Pensò subito che se a tutti i funerali quell'uomo piangeva a quel modo, la sua vita doveva essere ben straziante. Forse avrebbe dovuto cambiare mestiere.

Ma lo conosceva, il signor Cesare? No, perché la vedo tanto afflitto...” disse Agata.

Signora, non l'avevo mai visto in vita mia. Non è per lui che piango, piango per me!” disse l'uomo, iniziando nuovamente a frignare.
Agata ci pensò su. Che quell'uomo avesse qualche malattia incurabile, segreta, misteriosa, forse anche lui stava per scoprire cosa significasse vivere con un bitorzolo? Certamente doveva avere poco da vivere per disperarsi in tale maniera. Così, con tutto il tatto di cui disponeva, sussurrò all'uomo:

Quanto le rimane?” intendendo quanto gli rimaneva da vivere.

L'uomo sembrò sorpreso dalla domanda, ma disse subito: “Mille euro”.

Mille euro?” fece Agata, capendo che parlavano di cose completamente differenti.

Sì, mi rimangono mille euro che dei parenti del signor Cesare non mi vogliono pagare.”

Ah, si tratta di questo!” fece Agata.

Sì, e di che cosa, altrimenti?”

No no, nulla. Ma perché non la vogliono pagare?” chiese Agata.

Vede, saprà che il signor Cesare per via di quel bitorzolo era diventato brutto, così ho pensato di toglierlo con un foto ritocco dalle immagini degli annunci, ma i parenti non sono d'accordo e dicono che senza bitorzolo il signor Cesare è irriconoscibile. Per questo non vogliono pagarmi” spiegò l'addetto alle pompe funebri.

Ad Agata scappò da ridere, un po' per quello strano uomo che aveva pensato di rimuovere il bitorzolo che il signor Cesare aveva voluto e non potuto togliere da sempre, un po' per i parenti che invece il bitorzolo lo volevano, lo volevano eccome, sugli annunci. L'uomo riprese a piangere, ma Agata pensò che la soluzione non era poi tanto difficile da trovare.

Un banco più avanti infatti Agata aveva intravisto Sebastiano, un ragazzino sui dodici anni che abitava poco lontano da casa sua, che sapeva molto dotato per il disegno. Una volta l'aveva visto, sbirciando dalle finestre, mentre faceva caricature ai passanti ed era riuscita a trovarle molto somiglianti. Agata pensò che Sebastiano, presente al funerale perché il signor Cesare molte volte l'aveva aiutato a sistemare la sua bicicletta, avrebbe potuto essere la soluzione ai problemi dell'uomo piangente.

Mentre la funzione iniziava, Agata sottovoce espose il piano all'uomo delle pompe funebri, che parve un poco sollevato, bastava che il ragazzino sapesse disegnare bene i bitorzoli sul naso del signor Cesare. Ormai gli annunci li avevano visti tutti e tutti si erano accorti che mancava il bitorzolo, ma per farsi pagare l'unica era “rendere giustizia” al vero aspetto del signor Cesare. Così, terminata la cerimonia, Agata avvicinò il ragazzino e sua madre, che acconsentì affinché il figliolo disegnasse il bitorzolo sugli annunci.

Dovrò andare a casa, a prendere le matite” disse Sebastiano e mentre gli altri annuivano l'uomo delle pompe funebri disse che doveva passare per diversi paesi per correggere gli annunci, così il ragazzo, sua madre e Agata sarebbero andati con lui in macchina, sul carro funebre. Sebastiano tornò poco dopo e mentre la folla si disperdeva attaccò a disegnare il primo bitorzolo sull'annuncio mortuario attaccato alla bacheca della chiesa. Conosceva benissimo il signor Cesare e realizzò un piccolo capolavoro, non solo perché il bitorzolo appariva perfetto ma perché, ripassando i tratti con una matita dello stesso colore dell'annuncio, rosa pallido, pareva che non fosse nemmeno una sovrapposizione.

È molto dotato per il disegno” commentò Agata rivolgendosi sia alla madre del ragazzo sia all'uomo, che non poteva credere alla sua fortuna. 





Questo era un piccola assaggio del libro, che potete trovare richiedendolo a Lara Zavatteri in via 4 novembre 21 a Mezzana (val di Sole, Trento) o larazavatteri@gmail.com o su Facebook, o ancora richiedendolo in libreria o acquistandolo su Internet (Youcanprint, Amazon, Ibs, LaFeltrinelli ecc..) ad esempio qui

A presto e ricordatevi di sorridere e ridere! Agata (e Lara).

martedì 9 ottobre 2018

GRAZIE AI MIEI LETTORI



Iniziative benefiche con i libri concluse!

Versati 110 euro al canile di Naturno e 100 al Gattile Pan Eppaa di Trento, grazie di cuore a tutti i lettori che hanno reso possibile l'iniziativa!

Anche il libro di Agata ha partecipato e ha contribuito ad aiutare cani e gatti in situazioni di difficoltà. Grazie a tutti, la vostra
Agata e la mia ideatrice, Lara Zavatteri

giovedì 4 ottobre 2018

RIDERE AI FUNERALI...SI PUO'?

Questo è il film Funeral Party, uscito qualche anno fa. Se non l'avete visto vi dico subito che fa, per restare in tema, morire dal ridere, ecco un assaggio


Per continuare a ridere leggete anche il libro "Agata.Come un funerale ti salva la vita". Anche qui la "cornice" della storia sono i funerali, ma di gente stramba e curiosa, come coloro che vi partecipano tra cui io, Agata, ma ho i miei motivi...Per scoprirli, non vi resta che leggere il libro richiedendolo alla mia autrice Lara (larazavatteri@gmail.com o a Mezzana in val di Sole Trentino di fronte hotel Salvadori) o su Internet su www.youcanprint.it, Ibs, Amazon o ancora richiedendolo in libreria.
Buoni sorrisi, la vostra
Agata

mercoledì 26 settembre 2018

VIGNETTE DI TOM GAULD PER RIDERE DEI LIBRI

Risultati immagini per tom gauld immagini in italiano


Dal libro "In cucina con Kafka" leggete l'estratto!
 https://www.amazon.it/cucina-Kafka-Tom-Gauld/dp/880468660X/?tag=ilpo-21

E se volete continuare a sorridere leggete Agata.Come un funerale ti salva la vita, potete richiederlo a larazavatteri@gmail.com o acquistarlo su Internet su Ibs, Amazon, Youcanprint ecc...grazie mille e felice giornata a voi, la vostra

Agata

martedì 11 settembre 2018

I PERSONAGGI SECONDARI DEL LIBRO DI AGATA

Ciao a tutti.
Nel libro io, Agata, sono ovviamente la protagonista principale, ma ci sono anche personaggi secondari che mi aiutano nel mio piano di inserirmi di nuovo nella società.
Il signor Lino, amante del giardinaggio e dell'orticoltura;
La signora Ofelia che passa tranquillamente da un linguaggio quasi da alta società a uno più colorito;
Altri come il signor Lauro, che compare in occasione di un funerale per commentarlo, facendoci rabbividire con dei particolari presi da Grey's Anatomy e precedentemente da E.R.

Sono persone che oltre a fare da "contorno" alla mia storia hanno in alcuni casi, come alcuni tra i defunti, nomi poco usati.

Sono personaggi che inizialmente frequento solo per partecipare insieme ai funerali, ma che poi diventano veri amici.

Volete saperne di più?
Cliccate qui o richiedetelo a Lara Zavatteri a Mezzana in via 4 novembre 21 o larazavatteri@gmail.com

Alla prossima!

Agata